Italian edition

Marnia's picture
Submitted by Marnia on
Printer-friendly version

Pace tra le Lenzuola

Pace tra le lenzuola: Guarire con i rapporti sessuali

di Marnia Robinson
Traduzione di Giampiero Cara

Questo libro è pubblicato da Macro Edizioni.
Potete visitare il sito della Macro cliccando qui.

SOMMARIO

INTRODUZIONE

"Se non è rotto, non aggiustarlo"
"Ma il sesso con l'orgasmo è normale"
"Devi soltanto trovare la persona giusta"
Pace tra le lenzuola

Parte I: Perché

CAPITOLO 1 PERCHE' CI DISINNAMORIAMO?

Farsi prendere dall'evitare l'orgasmo
Dimmi che non è vero
I postumi nascosti
Il presagio funesto
Riepilogo
La storia di Dave

CAPITOLO 2 PUNTI CHIECHI

Orgasmo: Un problema per le donne?
E se avessimo sbagliato tutto?
L'orgasmo è l'orgasmo
Aumentare il magnetismo sessuale
Nel frattempo, che faccio?
Riepilogo
Un giornalista, un rabbino e un bardo

CAPITOLO 3 LA BIOLOGIA HA DEI PIANI PER LA VOSTRA VITA AMOROSA

Un arsenale neurochimico
La dopamina, un'amica discutibile
Nella nostra vita amorosa, vogliamo seguire il copione dettato dalla biologia?
Prolattina: Il segnale di luci spente?
No! No! Mille volte no!
Il Grande Risveglio: La disarmonia nei rapporti
CERCASI: Rapporti occasionali profondi
Un altro nobile esperimento
Riepilogo
Siete dipendenti dalle storie d'amore?

CAPITOLO 4 UN CAMBIAMENTO DI CUORE

Un'occhiata più da vicino all'ossitocina
Un dura lezione
Amore e paura
L'amore guarisce
Un fontana della giovinezza, la dieta definitiva e un tonico terapeutico multiuso
Sincronizzare i cuori
Viziare e coccolare il/la partner
Riepilogo
La sfida della caramella

CAPITOLO 5 SUPERARE IN ASTUZIA LA BIOLOGIA

Non cercate la soluzione dove la risposta è proibita
Come faccio a sapere se la biologia sta tirando i miei fili...ancora?
Passione perigliosa
La chiave della mortalità
Mio marito/Mia moglie è cambiato/a completamente dopo il matrimonio
Il Dispositivo per il Sabotaggio dell'Intimità
Per guarire, date
Euforia naturale
Bisogno
Pensate in grande
Riepilogo
La storia di Nicole

CAPITOLO 6 LA DIFFUSIONE DEL VIRUS DELLA SEPARAZIONE

Il triangolo delle Bermuda delle relazioni
Attrazione sessuale
Disponibilità sessuale
Impegno
Perché la monogamia non è il problema?
I matrimoni da favola al microscopio
La situazione sta peggiorando?
Un nuovo punto di vista
Riepilogo
La storia di Joshua

CAPITOLO 7 POLI INVERTITI

Chi guida?
Il principe e il rospo
Una luce si accende
Oh oh...
Mistero svelato?
Impulsi neurochimici
Scissioni tra cuore e organi genitali
Castità spirituale
Siate coraggiosi
Riepilogo
Il ritorno a casa

CAPITOLO 8 UN MISTERO SI SVELA

La trappola della dualità
Verso una migliore visione
"Nell'arca della pace si entra a due a due"
"Comprendete il rapporto incontaminato, perché ha grande potere"
Hmmmm...
Di cosa abbiamo veramente bisogno gli uni dagli altri
Pulci in un barattolo
Riepilogo

Parte II: Come

CAPITOLO 9 ALLORA, VOLETE PROVARLO?

"Noi siamo la benzina, loro sono i freni"
Cosa aspettarsi
Non c'è problema, George
Attività non così innocue
Procuratevi un lecca-lecca
Per avere tutto, date tutto
E il controllo delle nascite?
"E se ho pochissimo controllo sessuale?"
Consigli per piante avvizzite
Una storia vera
La storia di Lisa

CAPITOLO 10 IN CASO D'EMERGENZA

Le montagne russe
Suggerimenti pratici
State vicini e in silenzio
Le buone notizie
La storia di Niki

CAPITOLO 11 COSA SONO GLI SCAMBI ESTATICI?

Struttura
Pensate alla guarigione, invece che al sesso
Come affrontare gli scambi
Circostanze particolari
Cosa ha funzionato
Cosa non ha funzionato

CAPITOLO 12 GLI SCAMBI ESTATICI

La fase di nutrimento: Aprire il cuore

La pratica fa il maestro
Avviso di maltempo
Primo Scambio: In quale direzione fluisce la tua corrente?
Secondo Scambio: La gioia del dare
Terzo Scambio: Usali e li perdi
Quarto Scambio: Dipendenza
Scambio: Amore più elevato
Quinto Scambio: Ascoltare
Sesto Scambio: Intermezzo musicale
Settimo Scambio: Intermezzo musicale
Ottavo Scambio: Unione senza limiti
Nono Scambio: Ringiovanimento
Decimo Scambio: Il cuore e l'intelletto
Undicesimo Scambio: Cibo per i pesci
Dodicesimo Scambio: Il mistero dell'immobilità
Tredicesimo Scambio: Sensibilità intensificata
Quattordicesimo Scambio: Progresso

La fase di guarigione: Ritorno all'innocenza

Pianificare in anticipo
Siete pronti?
L'orgasmo del cuore
(Un altro) Avviso di maltempo
Consigli
Quindicesimo Scambio: Non ancora...
Sedicesimo Scambio: Prendersela comoda
Diciassettesimo Scambio: Com'è andata?
Diciottesimo Scambio: Allarme tentazione
Diciannovesimo Scambio: Amore per se stessi e amore altruistico
Ventesimo Scambio: Il ponte
Ventunesimo Scambio: La linea del traguardo

NOTE
APPENDICE I: Lista di controllo delle impasse
APPENDICE II: AVVENTURE
INDICE ANALITICO
SULL'AUTRICE

Introduzione

Il libro che state tenendo in mano non è il tipico manuale sui rapporti di coppia. Invece di rimasticare quel che convenzionalmente si sa dell'amore e del sesso, esso presenta una combinazione unica di saggezza antica e scienza moderna. Spiega in che modo siamo imprigionati dal copione inconscio del nostro cervello primitivo e presenta una ricetta radicale per liberarci: fare l'amore in modo diverso. Gli obiettivi sono quelli di guarire la disarmonia tra i sessi e di attingere ai doni più profondi dell'unione, costantemente. Mentre lo raccoglievo dentro di me, il materiale su cui si basa questo libro confermava i miei sospetti più profondi, pur suscitando la mia intensa resistenza. Dopotutto, cambiava il mio modo di vedere i rapporti sessuali, la passione, il romanticismo, l'assuefazione e l'antagonismo tra innamorati.

Se siete dei mammiferi e non siete in coma, il vostro cosiddetto "cervello primitivo" ha avuto più influenza sui vostri rapporti intimi del vostro libero arbitrio. Potreste aver agito in base ai suoi impulsi primitivi ed essere poi rimasti stupiti dalle conseguenti sofferenze amorose, che si manifestavano attraverso esplosioni di rabbia, infedeltà o deprimenti periodi di ristagno. Oppure potreste esservi ritirati nella castità per evitare queste insidie, accompagnate, in molti casi, da un'assuefazione di vostra scelta. Purtroppo, nessun cammino offre la profonda soddisfazione del cammino di mezzo che si trova tra l'impulso e l'astensione. Questo cammino è esistito per migliaia d'anni, benché il modo in cui siamo stati progettati, a livello fisico, faccia sì che, in genere, lo trascuriamo.

Nello spiegare perché dovremmo provare il desiderio di padroneggiare questo cammino di mezzo dell'unione sessuale cosciente, cercherò di ricatturare la mia resistenza iniziale all'idea, nonché di condividere alcune delle prove che mi hanno fatto cambiare parere.

"Se non è rotto, non aggiustarlo"

Certo che è rotto. I rapporti intimi non se la stanno passando bene. Le tendenze relative al matrimonio negli Stati Uniti indicano, negli ultimi decenni, che gli americani sono diventati meno propensi a sposarsi, e che sono sempre di meno quelli che si sposano e considerano il loro matrimonio "molto felice".1

Sono stata damigella d'onore della sposa in tre matrimoni, oltre ad essermi sposata io stessa, e vent'anni dopo tutti questi matrimoni sono finiti in divorzi. La mia esperienza rispecchiava la vita amorosa travagliata degli altri. Tra il 1960 e il 2000, la percentuale di adulti divorziati si è quadruplicata.2 La separazione emozionale tra le coppie (sposate o no) è molto diffusa, e il fatto di rimanere sposati non garantisce che il problema fondamentale sia stato risolto. I matrimoni sono spesso miseri fantasmi dei loro stati un tempo affettuosi, romantici, di sostegno reciproco.

Penso di aver provato personalmente tutti i suggerimenti convenzionali per guarire la disarmonia nei rapporti intimi: migliorare la comunicazione, trovare il compagno giusto, metterci più passione, amare il proprio bambino interiore, fare dei compromessi, e così via. Quando cominciano le difficoltà, questi rimedi non arrestano il deteriorarsi del rapporto, perché non affrontano che i sintomi di un problema più fondamentale. Il vero problema ci sta proprio sotto il naso. È sempre stato lì, ma ora che la chiesa e lo stato hanno perso il loro potere di farci rimanere sposati, è ancor più evidente. E una volta che lo riconosciamo, anche la soluzione diviene altrettanto evidente.

Il problema comincia con il sesso. Non il sesso eccitante contrapposto al sesso noioso, come la maggior parte di noi è stata indotta a credere, ma piuttosto il sesso in sé. Dopotutto, le amicizie platoniche tra uomini e donne funzionano bene. I problemi cominciano quando diventiamo amanti. E cos'altro comincia in quel momento? Per tutti? La ricerca dell'orgasmo.

La passione sembra la nostra migliore amica, e spesso è l'unica cosa indiscutibilmente buona in un rapporto altrimenti disfunzionale. Tuttavia, il sesso bollente ha dei costi nascosti che ci condannano, col passare del tempo, alla disarmonia. L'orgasmo può diventare il peggior nemico del nostro rapporto, ed è l'evoluzione stessa che fa sì che trascuriamo il collegamento tra l'inebriante causa e i deprimenti effetti.

Tuttavia, il nostro punto cieco si sta finalmente mettendo a fuoco. Nuovi progressi nella scienza del cervello (neuroendocrinologia) ci stanno rivelando che l'alienazione emozionale tra amanti potrebbe aver a che fare molto meno di quanto pensavamo con la comunicazione o la compatibilità e molto di più con una sezione del nostro cervello chiamata il centro di piacere/ricompensa. Attualmente la biologia evolutiva, ossia la forza che ci incoraggia a riprodurci il più spesso possibile, sfrutta questo meccanismo cerebrale facendo in modo che riceviamo un potente "premio" a livello neurochimico quando ci impegniamo nel sesso bollente... o addirittura quando ci pensiamo soltanto. Il premio in questione dà la sensazione di promuovere il legame tra gli amanti al momento dell'orgasmo, mentre in realtà l'esplosione innesca ulteriori cambiamenti a livello neurochimico che, col tempo, ci allontanano dalle persone che amiamo.

Fondamentalmente, la biologia evolutiva ha piegato la volontà umana ai propri fini, consistenti esclusivamente nel riprodurre più geni e nel favorire la varietà genetica. Non appena comprenderete i mezzi che la biologia usa, nonché i loro insospettati effetti su di voi, rendendovi conto che esiste un'alternativa pratica a tutto questo, vi troverete in una posizione migliore per scegliere se desiderate rimanere sotto il suo dominio, oppure assumere il controllo della situazione.

"Ma il sesso con l'orgasmo è normale"

È vero. Ma altrettanto normale è il cammino di mezzo propugnato dagli antichi. L'approccio che consiste nel far l'amore spesso e con soddisfazione, senza l'orgasmo (come lo intendiamo correntemente), esiste da migliaia d'anni. Il motivo per cui, di primo acchito, ci sembra bizzarro è che non ne abbiamo mai provato i molteplici benefici. Inoltre, siamo così profondamente ipnotizzati che non riusciamo a vedere quanto danno la strategia usata dalla biologia infligga attualmente ai nostri rapporti.

Forse avete sentito parlare dell'Effetto Coolidge. Gli scienziati hanno dimostrato (e non può non venirvi in mente che ci si senta davvero soli in laboratorio con esperimenti del genere...) che, se si sfinisce sessualmente un ratto maschio con un ratto femmina, ad un certo punto lo stato chimico del maschio, a livello fisico, lo blocca. Se fosse un uomo, il ratto si dirigerebbe verso la poltrona reclinabile, prenderebbe in mano il telecomando e si metterebbe a guardare la televisione. Come conseguenza del cambiamento del suo stato chimico a livello fisico (stanchezza), la Signorina Ratto gli apparirà del tutto priva d'interesse.3 Tuttavia, se lo si mette vicino alla Signorina Rattina (una nuova femmina), la sua stanchezza scomparirà misteriosamente ed il ratto si preparerà valorosamente ad adempiere ai suoi doveri fecondatori. Questo è noto come l'Effetto Coolidge.

L'effetto Coolidge si registra anche nel comportamento umano? Ricordo una conversazione che ebbi con un uomo che era cresciuto nella sensuale Los Angeles. "Smisi di contare le mie amanti quanto raggiunsi quota 350", mi confessò, "e credo che dovesse esserci qualcosa che decisamente non andava in me, perché perdevo sempre così rapidamente il mio interesse sessuale per loro. Alcune di quelle donne erano anche davvero belle". All'epoca della nostra chiacchierata, la sua terza moglie lo aveva appena lasciato per un francese e lui era scoraggiato. Lei aveva misteriosamente perso interesse per lui.

Sembra che persino Ghandi abbia sfruttato il potere dell'Effetto Coolidge. Si dice che, mentre digiunava per protestare contro il colonialismo inglese, si rinvigorisse dormendo tra due ragazze vergini (nuove opportunità di fecondazione). Egli aveva da lungo tempo rinunciato al sesso con sua moglie, naturalmente, in favore di una pratica spirituale che richiedeva la castità. La storia non riferisce se la signora Ghandi abbia condotto un esperimento analogo per risollevarsi lo spirito in assenza delle attenzioni di suo marito.

La biologia senz'altro mette in atto i suoi trucchi, motivati geneticamente, anche sulle femmine. Le donne sono più predisposte all'infedeltà durante i giorni fertili del loro ciclo mestruale.4 Hanno anche maggiori possibilità di raggiungere l'orgasmo (che fa aumentare le loro possibilità di concepimento, facendo sì che trattengano una maggiore quantità di sperma nel loro tratto riproduttivo5) non con uomini dolci e sensibili, bensì con uomini i cui lineamenti risultano simmetrici (il che indica una solida struttura genetica), anche se come compagni risultano inferiori alla media.6

Fino ad ora, la maggior parte di noi o si è dedicata senza riflettere ad un comportamento sessuale impulsivo, oppure ha raffreddato la propria spinta sessuale e ha ridotto la propria analisi della condizione umana al giudizio morale nei confronti degli altri. Sarebbe più saggio per noi prima comprendere, con compassione, in che modo veniamo manipolati e poi cambiare rotta. Dopotutto, le scorte di uomini francesi e di ragazze vergini sono limitate.

Pensateci. La biologia evolutiva non sa che farsene dell'armonia nei rapporti tra uomini e donne. Come ha spiegato Richard Dawkins nel suo libro The Selfish Gene,7 tutta la vita può essere considerata niente di più che forme in competizione tra loro della macchina di duplicazione del DNA. Da questo punto di vista, gli scarafaggi hanno più successo degli esseri umani. Ed è evidente, a giudicare dai nostri comportamenti ereditari, che la biologia ha trovato maggiore beneficio nella molteplicità delle opportunità genetiche che nel coccolarsi di due partner in uno stato di gioioso equilibrio.

Ma ecco la notizia sensazionale: non siamo obbligati a seguire questo imperativo evolutivo. In effetti, come specie, faremmo cosa saggia se scegliessimo con prudenza le nostre opportunità di procreazione. E come individui, abbiamo assai più da guadagnare da rapporti armonici, caratterizzati da livelli elevati di fiducia reciproca, che da irragionevoli danze di accoppiamento. La maggior parte di noi sente questo. Anni fa, mi capitò di vedere i risultati di un sondaggio tra i lettori della rivista Playboy in cui era stato chiesto: "Cosa rende migliore il sesso?". La risposta che aveva ricevuto la maggior percentuale di voti era "essere profondamente innamorati del proprio/della propria partner".

Alcuni decenni dopo, sono finalmente in grado di spiegare perché quei lettori avevano ragione. I benefici del fatto di avere profondamente a cuore un'altra persona sono profondi. Sentimenti del genere non solo cambiano in meglio la nostra visione della vita, ma hanno anche effetti fisiologici positivi. Tra di essi figurano migliore salute fisica, minore stress e persino ringiovanimento.

L'intimità sessuale che può fare tutto questo è davvero ottimo sesso. E per sperimentarlo continuamente, tutto ciò che dobbiamo fare è rimanere innamorati. In effetti, se dominasse la logica, rimarremmo innamorati. Il problema sorge quando a dominare, invece, è la biologia, e le conseguenze del suo piano d'incentivazione (passione sfrenata) separano gli innamorati. Come ha detto eloquentemente un mio amico: "All'evoluzione non frega un cavolo dell'amore, della fedeltà o dell'amicizia".

Da millenni esiste un modo per sconfiggere i dettami della biologia. Io lo considero una dieta in cui si possono mangiare a volontà tutte le altre vostre cose preferite relative all'intimità: tanta tenerezza a livello fisico, rapporti sessuali frequenti, fiducia reciproca, affinità emozionale, nonché l'opportunità di crescere e di guarire. Ho la sensazione che l'approccio che uso attualmente quando faccio l'amore sia simile a quello tramandato, fra gli altri, dagli antichi taoisti cinesi. Eppure la mente occidentale preferisce, in genere, isolare i principi fondamentali di queste tradizioni usando un approccio analitico, esperienziale. Perciò, pur riconoscendo con profonda gratitudine le indicazioni lasciate da questi antichi maestri, presenterò il materiale di questo libro così come io l'ho imparato, attraverso una combinazione di tracce esoteriche, prove ed errori, nonché analizzando nuove scoperte scientifiche.

"Devi soltanto trovare la persona giusta"

Ecco le parole di un marito monogamo, padre di tredici figli, che era anche un acuto osservatore della natura umana:

Nella vita, questa preferenza per una persona amata ad esclusione di tutte le altre dura, in rari casi, diversi anni, più spesso diversi mesi, o persino settimane, giorni, ore.... Ogni uomo prova quel che chiamate amore nei confronti di qualunque donna carina incontri, e assai poco nei confronti della propria moglie. Ed anche se dovesse esser vero che Menelao abbia preferito Elena per tutta la sua vita, Elena comunque preferiva Paride.... -Leone Tolstoy

Più di cent'anni fa, Tolstoy riconobbe che, nel suo matrimonio, i periodi di passione erano inevitabilmente seguiti da scoppi di rabbia tra sua moglie e lui. Se non erano apertamente ostili l'uno nei confronti dell'altra, entrambi si stordivano per far fronte al loro tormento emozionale. Lui fumava e bevevo troppo e sua moglie confondeva tutti con la sua futile agitazione legata ai problemi della casa ed ai figli. Dopo anni di osservazione, Tolstoy si rese conto che la colpa di tutto era del desiderio sessuale nei confronti della persona amata. Ma gli antichi testi che rivelavano un altro modo di fare l'amore erano ancora praticamente ignoti nella sua epoca. Perciò egli vedeva soltanto due opzioni, entrambe inadeguate: l'astinenza sessuale nel suo matrimonio, oppure la passione seguita da irritazione intensa.

Se non altro, il problema descritto da Tolstoy si sta facendo sempre più evidente. Guardate cosa è accaduto a Pamela Anderson e Tommy Lee, oppure a Billy Bob Thornton e Angelina Jolie. Per la maggior parte di noi, "trovare la persona giusta" significa trovare qualcuno che fa sobbalzare lo stato chimico del nostro cervello nella zona rossa. Ma anche le coppie meno appassionate, che basano la loro unione sul tradizionale contratto matrimoniale, si stanno dividendo con allarmante frequenza.

L'erosione della monogamia è dovuta alla chimica, ma non alla chimica nel senso usuale. Ancora una volta la neuroscienza ha scoperto un indizio essenziale in un esperimento con dei roditori. I microti di palude sono creature simili a topi che si accoppiano per tutta la vita, cosa che invece i loro cugini, i microti di montagna, non fanno. Grazie a questa lampante differenza, gli scienziati sono riusciti a capire che la monogamia è legata a certe sostanze neurochimiche. Quando gli scienziati bloccano gli effetti di queste sostanze neurochimiche sul microto di palude, esso passa allegramente al sesso occasionale. In altre parole, lo stato neurochimico è legato molto da vicino alla forza dei rapporti. Per esempio, ai livelli e nei posti giusti, la sostanza neurochimica denominata ossitocina può farci desiderare di stare insieme senza che neppure dobbiamo sforzarci di farlo.

Possiamo mantenere costante l'afflusso di ossitocina soltanto se rimaniamo con il cuore aperto. Il ciclo del desiderio sessuale, tuttavia, ci porta dal desiderio intenso a un disagevole senso di sazietà, per poi riportarci nuovamente al desiderio intenso, proprio come osservò Tolstoy. Queste emozioni ci rendono avidi, bisognosi, irritabili e difensivi, invece che aperti. Bang! La neurochimica del romanticismo soccombe alla neurochimica del disagio e della separazione.

Il desiderio va bene in dosi moderate, ma il cieco impulso tende a trasformare noi esseri umani da leali microti di palude a promiscui microti di montagna. Questo potrebbe non importare a molti in quest'epoca, se non fosse che la ricerca scientifica dimostra anche che noi esseri umani siamo più sani e più felici quando viviamo armoniosamente in coppia.

Pertanto, prima di abbandonare un altro/un'altra partner, provate l'approccio al sesso delineato in questo libro. I risultati potrebbero sorprendervi. Anche se ad attrarmi inizialmente verso quest'idea fu il fatto che prometteva una maggiore profondità nel rapporto di coppia, il primo cambiamento che notai fu un netto miglioramento delle mie condizioni di salute. Le infezioni croniche da funghi e del tratto urinario che avevo scomparirono per sempre, e sono ormai più di dieci anni che non ho bisogno di un medico per alcunché.

Anche il mio fidanzato Will è contento della guarigione che ha sperimentato. Ha più energia ed è più produttivo, si è liberato di una dipendenza che aveva da tanto tempo e non ha più bisogno di uno psicofarmaco antidepressivo che prima prendeva abitualmente. Dopo due anni di rapporto con me, è felice del suo stato di salute, della sua allegria, della sua amabilità e del senso di intimità con me, che aumenta continuamente.

I nostri miglioramenti a livello di salute e di armonia sono in linea con quanto sostengono vari testi antichi sul sesso. Tuttavia Will, che studia da tanto tempo le scienze umane, è più attratto dalla luce che la scienza moderna getta su questi fenomeni. La ricerca di Will, inclusa nel libro, indica che gli antichi taoisti cinesi, buddisti tibetani, saggi tantrici e persino cristiani pre-romani, che consigliavano tutti un approccio meno accalorato e più altruistico al sesso, erano più sagaci dei moderni sessuologi.

Pace tra le lenzuola

Questo libro è diviso in due parti. La prima riguarda il perché ho cambiato il mio modo di far l'amore. Il mio approccio si scontrerà con vari presupposti cari alla maggior parte dei lettori, poiché raccomanda di evitare il più possibile la masturbazione, di imparare a far l'amore senza l'orgasmo convenzionale, di guarire tutto il sentimento di alienazione nei confronti del sesso opposto e di mettere l'armonia nel rapporto prima delle solite esigenze legate all'intimità sessuale.

Soprattutto, il mio approccio raccomanda l'altruismo in camera da letto, il che non costituisce un'impresa da poco, poiché lo stato chimico del vostro cervello è costituito in modo tale da darvi una forte ricompensa se siete il più egoisti possibile durante l'attività sessuale. Tuttavia, questa ricompensa neurochimica non porta ad un aumento del proprio stato di benessere, come invece fa l'alternativa che propongo.

Nulla vi convincerà della validità di questo approccio altrettanto efficacemente quanto il fatto di provarlo. Perciò, la seconda parte del libro descrive come ho affrontato la questione a livello pratico. Comprende infatti vari suggerimenti pratici, oltre che una serie di semplici attività per le coppie che desiderano aggirare la loro programmazione biologica inconscia. Il concetto chiave consiste nel prendersi cura l'uno dell'altro durante due settimane di ritiro. I risultanti miglioramenti nel vostro stato neurochimico ridurranno effettivamente la brama di orgasmi (e qualsiasi altra dipendenza). Questo naturale cambiamento vi permetterà di stabilizzarvi in un modo di far l'amore di cui la vostra salute e i vostri rapporti beneficeranno in modo radicale.

Questo libro è come una mappa, che non avrebbe potuto essere compilata né pubblicata senza l'aiuto generoso di molti amici, amanti, amici di amanti e amanti di amici. Alcuni sono stati abbastanza coraggiosi da provare le mie idee. Altri mi hanno dato una mano condividendo le loro ricerche, criticando in modo costruttivo le mie idee, offrendo le loro gemme di esperienza ed ispirazione, costruendo siti web, accudendomi mentre andavo avanti e indietro tra l'Europa e gli Stati Uniti, facendo disegni, correggendo bozze, rintracciando riferimenti, risolvendo crisi di carattere grafico e semplicemente amandomi, anche se la mia insolita vocazione non aveva senso per loro. Sono profondamente obbligata nei confronti di questa catena di entusiasti, persone care e guardiani, che si estende dalla California alla Bavaria, con collegamenti speciali in Arizona, in Belgio, in Inghilterra, in Florida, in Italia e a New York.

Vorrei ringraziare anche le persone divertenti le cui arguzie sulla divisione tra i sessi non ho resistito alla tentazione di aggiungere al testo. Molte delle battute fungono da sinistro promemoria dell'attuale stato di cose. Pryor jokeDal mio punto di vista, comunque, le circostanze in cui si trova l'umanità sono davvero risibili. Abbiamo involontariamente permesso a un irragionevole meccanismo neurochimico di ricompensa di tiranneggiarci per secoli. E poi si scopre che è sempre esistito un modo migliore di fare le cose. Ora che il nostro pianeta brulica di esseri umani malnutriti e insufficientemente amati, è arrivato il momento di imparare seriamente a padroneggiare questo modo migliore. Anche se ammetto di non avere ancora tutte le risposte, spero comunque che in questo libro possiate trovare degli indizi utili. Perlomeno, sarete attrezzati in modo da poter evitare l'insospettato ostacolo che impedisce all'umanità di realizzare unioni profonde, mentre lavorate per la creazione del rapporto intimo cui il vostro cuore anela.